FANDOM


«La futura matrigna era una donna dai sentimenti forti e dai gusti raffinati. Anche lei aveva conosciuto la sofferenza... ma la indossava magnificamente.»
―La Fata Madrina[fonte]

Lady Tremaine (nota anche come la Matrigna di Cenerentola) è la principale antagonista del film d'animazione Disney Cenerentola, del 1950. È basata sul personaggio immaginario creato da Charles Perrault per la sua versione della fiaba. La sua doppiatrice originale, Eleanor Audley, avrebbe interpretato nove anni dopo anche Malefica, la strega de La bella addormentata nel bosco. Anche in Italia, la sua prima doppiatrice fu Tina Lattanzi, che interpretò anche Malefica.

Cenerentola

Lady Tremaine è introdotta nel film quando il padre di Cenerentola, un nobile vedovo, sentì che ella avrebbe avuto bisogno delle cure di una madre e per questo sposò Lady Tremaine, anch'essa vedova e di nobile famiglia. La donna aveva due figlie vicine d'età a Cenerentola: Genoveffa (la maggiore) e Anastasia (la minore). Entrambe bruttine, sciocche e prive di qualsiasi grazia. Possedeva anche un gatto malizioso e testardo di nome Lucifero, che le somigliava molto in termini di personalità. Lady Tremaine era gentile con la figliastra, ma celava un oscuro segreto. Era una donna perfida, crudele ed egoista, determinata a favorire gli interessi suoi e delle sue figlie naturali. Era invidiosa della bellezza e della grazia di Cenerentola, che faceva sfigurare le sue brutte figlie e dopo la morte del marito la maltrattò obbligandola a diventare una serva nella sua stessa casa.

Fredda, astuta, infida, il ruolo di antagonista di Lady Tremaine consiste nell'opprimere Cenerentola e ostacolare il suo lieto fine. Nel corso del film, Lady Tremaine ferisce moralmente Cenerentola in varie occasioni, e cerca di evitare invano che ella sposi il principe e coroni il suo sogno d'amore.

Altre apparizioni

La sua seconda apparizione fu nel seguito direct-to-video Cenerentola II: Quando i sogni diventano realtà (2002). In questo film ha un ruolo marginale, ed è perlopiù impegnata a impedire ad Anastasia, innamorata di un fornaio, di accompagnarsi a un plebeo.

La sua ultima apparizione è nel secondo seguito, Cenerentola: il gioco del destino (2007). Questa volta, ella riesce a impadronirsi della bacchetta magica della Fata Smemorina, rubata da Anastasia. La matrigna usa la magia per tornare indietro nel tempo e per far calzare la scarpetta di cristallo ad Anastasia. Il Principe si accorge che Anastasia non è la fanciulla che ha danzato con lui al ballo, ma Lady Tremaine modifica i suoi ricordi così che egli la sposi senza alcun sospetto. Cenerentola prova a riprendere la bacchetta, ma il suo tentativo fallisce, e Lady Tremaine ordina che sia imbarcata per essere bandita dal regno. Il Principe però, avvisato dai topolini, riesce a salvare Cenerentola, e l'incantesimo si spezza. La matrigna allora trasforma Anastasia in un clone di Cenerentola, perché la sostituisca al matrimonio. La vera Cenerentola viene rinchiusa in una carrozza maledetta, tuttavia ella riesce a liberarsi e a raggiungere il luogo della cerimonia. In quel momento, Anastasia realizza che quello per lei non sarebbe il vero amore, e non pronuncia il fatidico "sì". Lady Tremaine, furibonda con la figlia, è decisa a trasformarla in un rospo, su suggerimento di Genoveffa. Ma la spada del Principe riflette la magia rispedendola al mittente, e così sono Lady Tremaine e Genoveffa a essere trasformate in rospi. Successivamente le due riprendono le loro sembianze umane, tuttavia indossano un vestito identico ai vecchi stracci di Cenerentola, questo implica che lavoreranno al castello come sguattere, a punizione della loro perfidia.

La matrigna compare anche nella serie televisiva House of Mouse (2001-2004), spesso nel locale di Topolino è seduta allo stesso tavolo con un'altra celebre cattiva Disney, la regina Grimilde da Biancaneve e i sette nani

La saga di Kingdom Hearts

Kingdom Hearts Birth by Sleep

In questo capitolo della saga di Kingdom Hearts la vicenda segue da vicino gli eventi del film, eccezion fatta per il finale. Quando il granduca Monocolao è in procinto di lasciare il castello, Aqua si presenta nel salone e chiede di poter provare a sua volta la scarpetta. Nonostante la sua preoccupazione (dovuta, probabilmente, al fatto che la scarpetta potrebbe effettivamente andarle, obbligandola a sposare il principe) questo espediente fornisce a Jac il tempo necessario per liberare Cenerentola dalla torre. Lady Tremaine riesce nuovamente a rompere la scarpetta, e nuovamente Cenerentola rimedia mostrando la propria. A questo punto la donna e le sue figlie evocano un Nesciens a forma di zucca per vendicarsi di Cenerentola, ma tentando di controllarlo ne vengono consumate.

Gallery

Per approfondire, vedi la voce Lady Tremaine/Gallery.


v - m - d
Cinderella Logo 2
Media
Film: Cenerentola (1950)Cenerentola II: Quando i sogni diventano realtàCenerentola - Il gioco del destinoCenerentola (2015)
Televisione: House of Mouse - Il TopoclubSofia la principessaC'era una voltaC'era una volta nel Paese delle Meraviglie
Videogiochi: Disney Princess: Il viaggio incantatoKingdom HeartsDisney InfinityDisney Magical WorldCenerentola Lampi di Gemme
Personaggi
Originali: Cenerentola PrincipeLady TremaineGiacGas GasFata SmemorinaAnastasia TremaineGenoveffa TremaineLuciferoTopiUccelliTobia RonzinoMaryReGranduca MonocolaoVallettoGuardie realiPadre di CenerentolaMadre di Cenerentola
Sequel: Pom-PomPrudenceBeatrice e DaphneFornaioFioraioRegina
Remake: Signor LucertolaSignor OcaCapitanoPrincipessa ChelinaBanditore cittadinoSir Francis Tremaine
Oggetti
Scarpetta di cristalloCarrozza di CenerentolaBacchetta magicaVestito di Cenerentola
Luoghi
Castello di CenerentolaChâteau di CenerentolaVillaggioCastello del Re
Canzoni
Cenerentola (1950): CenerentolaI sogni son desideriCanta usignoloLavorare che faticaBibbidi-bobbidi-buQuesto è l'amore
Quando i sogni diventano realtà: Vola più in altoIl mondo ti sorrideràCiò che conta
Il gioco del destino: Che splendido annoNon è un sognoL'uomo dei sogniEra leiI Still Believe
Cenerentola (2015): Lavanda bluLiberi
I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.