FANDOM


Padmé Amidala Naberrie (segretamente conosciuta come Padmé Skywalker) è un personaggio dell'universo di Star Wars.

È apparsa per la prima volta sullo schermo nel film del 1999 La minaccia Fantasma come la giovane regina del pianeta Naboo . Nei successivi film della trilogia prequel, Padmé rappresenta Naboo nel Senato Galattico. Padmé era la moglie segreta di Anakin Skywalker, la madre di Luke Skywalker e Leia Organa e la nonna di Ben Solo. Lei è la tritagonista della trilogia prequel.

Background

Biografia

Padmé è nato sul pianeta Naboo a Ruwee e Jobal Naberrie, ha una sorella maggiore di nome Sola e due nipoti di nome Ryoo e Pooja; così Luke e Leia avevano e una zia e due cugini. Crescendo, incontrò un giovane di nome Palo e i due divennero romanticamente coinvolti, ma si separarono quando Palo divenne un artista, e Padmé si dedicò alla politica e al servizio pubblico. All'età di quattordici anni, Padmé divenne la regina di Naboo; il più giovane nella storia di Naboo. Dopo l'invasione di Naboo, i due termini di regina di Padmé finirono, quindi servì come senatrice sia per Naboo che per Chommell.

Più tardi nella vita, sarebbe diventata la moglie segreta di Anakin Skywalker , e la madre dei loro figli, Luke Skywalker e Leia Organa , durante la quale morì a causa dello stress della nascita infantile combinato con la consapevolezza che suo marito era diventato malvagio, unendosi l'ordine dei Sith. La paura di Anakin di perdere Padmé a morte, fu ciò che lo spinse a diventare lo spietato Signore dei Sith Darth Vader .

Nonostante le sue azioni e prima che morisse dopo aver dato alla luce i suoi figli, Padmé credeva ancora che ci fosse del buono in Anakin e che un giorno avrebbe potuto essere salvato con l'aiuto dei loro figli. Sebbene non sia vissuta per vederlo; La fede di Padmé nel marito si è dimostrata corretta, quando Anakin si è sacrificato per salvare il figlio Luke.

Personalità

Padmé è stata amata per la sua natura gentile e altruista, evidente nella sua cura e preoccupazione per tutto il suo popolo, indipendentemente dal loro status. Aveva anche una stretta relazione con le sue ancelle e, a differenza di molti senatori, manteneva anche i contatti con il suo monarca; Regina Jamillia. Fin da giovane ha esibito una grande maturità e raramente ha assecondato desideri personali, come il romanticismo, negando l'affetto e l'attenzione di Ian Lago, con il ragionamento che Naboo aveva bisogno di lei più di lui. Era volitiva e appassionata, facendola diventare un oratore persuasivo e ispiratore - un'abilità che in seguito si rivelerebbe nei suoi discorsi come senatrice - e soprattutto quando si oppose attivamente alla violenza legata alle Guerre dei Cloni.

La sua ferma convinzione nella democrazia e la cura sincera per il suo popolo le hanno facilmente conquistato l'elezione di Regina di Naboo. Incapace di negare i bisogni della sua gente, accettò l'invito di Jamillia a diventare senatore dopo i due termini in cui la regina finì. La sua popolarità le permise di mantenere diversi privilegi solitamente limitati al monarca di Naboo durante il suo periodo come senatore - come permettere alle sue navi di essere cromate.

La sua forte volontà e autocontrollo sono stati un ostacolo iniziale nella sua relazione con Anakin Skywalker . Inizialmente si è rifiutata categoricamente di consentire qualsiasi coinvolgimento romantico, poiché sentiva che una relazione tra loro due non sarebbe andata da nessuna parte e avrebbe messo in pericolo entrambi il loro futuro. Ha visto quanto sarebbe stato difficile e quanto avesse il potenziale per rovinare le loro vite. Quindi, sebbene non fosse facile per lei accettare, tentò di forzare Anakin a vedere la sua prospettiva e rispettare la sua decisione. Tuttavia, in circostanze quasi mortali - quando credeva che stava per morire - non vide alcun danno nell'ammettere i suoi veri sentimenti e così espresse il suo amore per Anakin. Dopo la loro inaspettata sopravvivenza, lei e Anakin non potevano più negare il loro amore. Tuttavia, una volta sposata, e ancora ben consapevole dei rischi connessi, ha mantenuto il suo rapporto con Anakin un segreto.

A causa della natura delle loro rispettive posizioni all'interno del Senato e dell'Ordine Jedi - lunghi periodi di separazione erano inevitabili, e sebbene sofferto da queste lunghe separazioni, Padmé sopportò questa difficoltà con il silenzio, la pazienza e la forza, conoscendo e comprendendo pienamente le rispettive responsabilità e la loro magnitudine. Aveva molta fiducia in Anakin e nelle sue celebri capacità, eppure era ancora preoccupata per la sua sicurezza. La sua fede in lui divenne ancora più evidente quando lei iniziò a credergli sopra l'Alto Consiglio Jedi quando raccontò delle loro manipolazioni da parte sua per usarlo come spia per i propri scopi. Era riluttante a credere persino a Obi-Wan Kenobi , un loro caro amico, quando le raccontò delle azioni oscure di Anakin sotto Palpatine. Per rassicurare se stessa che ciò che aveva detto non era vero, si recò a Mustafar per chiedere ad Anakin se stessa. Quando suo marito confermò i suoi peggiori incubi, si rifiutò ancora di credere che non potesse tornare alla luce e lo esortò a farlo. Anche alla sua morte, Padmé ha continuato ad avere fiducia in suo marito, parlando del "bene" che ancora risiedeva in lui. Molti anni dopo, suo figlio sarebbe venuto a manifestare questa convinzione, quando Darth Vader avrebbe acceso il suo Maestro Sith per salvare suo figlio e, così facendo, si sarebbe riscattato.

Durante il suo regno come regina e il suo tempo come senatore, Padmé si presentò come un avvocato per i Gungan, che erano tra i nativi di Naboo. Le relazioni tra gli umani e i gungani erano precarie nel migliore dei casi e fu durante la violenza presentata dall'invasione della Federazione del Commercio che Padmé riuscì a unire i due gruppi contro un nemico comune. Lei e Gungan Boss Rugor Nass hanno raggiunto un livello di rispetto reciproco, che ha portato anche per il suo successore, Boss Lyonie. Padmé si adoperò incessantemente per assicurare che le minoranze, come i Gungan, avessero una voce nel Senato intergalattico e che i suoi costanti sforzi ammirevoli, a favore del suo popolo, non potessero essere negati.

Proprio come suo marito Anakin, Padmé era ribelle, testarda, spericolata, impulsiva, gentile, premurosa e altruista. Aveva anche un forte senso di giustizia, onore e buona morale; naturalmente, come suo marito, disprezzava la menzogna e l'inganno, dai suoi amici, alleati e nemici allo stesso modo. Era molto più indulgente di Anakin, dato che perdonava rapidamente la gente in generale, in particolare Obi-Wan, per aver mentalmente mentito o averla ingannata, anche se una volta mentì a Obi-Wan che avrebbe messo fine alla sua relazione con Anakin, lei lo farebbe su Naboo; questo per impedirgli di capire che Padmé avrebbe sposato Anakin. Nonostante ciò, era una persona generalmente onesta.

Abilità

  • Esperto tiratore: Padmé era estremamente abile nell'uso di pistole blaster e fucili blaster.
  • Esperto pilota: Padmé era estremamente abile nel pilotare ogni tipo di aereo volante.
  • Intelletto di alto livello / Tattico esperto / Leader / Negoziazione: Padmé era molto intelligente. Come senatrice ed ex regina di Naboo , Padmé era un tattico estremamente abile e un leader molto capace. Era anche estremamente abile nella diplomazia e nella negoziazione.
  • Multilingue: Padmé era capace di parlare fluentemente inglese, Ithorese, Mon Calamarian, Gran, Gunganese e Rodese.

Apparenze cinematografiche

La minaccia Fantasma

Padmé fa la sua prima apparizione nel prequel La minaccia Fantasma. Padmé viene presentata come la regina di Naboo di 14 anni, dedicata a porre fine all'occupazione del pianeta da parte della Federazione dei Mercanti. Lei tenta di trattare direttamente con il viceré della Federazione Nute Gunray, ma lui lancia un'invasione, costringendola a impiegare una precauzione di sicurezza con la sua esca Sabé posa come la Regina mentre si travestisce da una delle ancelle della Regina. Gunray cerca di farla assassinare in uno dei campi in cui stava facendo prigionieri, ma Padmé fugge con l'aiuto del Maestro Jedi Qui-Gon Jinn e del suo Jedi Padawan Obi-Wan Kenobi . Sebbene superino il blocco delle navi da battaglia della Lucrehulk , la nave della Federazione dei Mercanti , l'iperguida sulla nave reale è danneggiata e sono costretti ad atterrare sul pianeta deserto di Tatooine . Padmé, travestito da ancella, incontra la schiava di nove anni Anakin Skywalker e sua madre Shmi Skywalker. Anakin le dà un incantesimo intagliato a mano su una collana di cuoio. Lei testimonia che Anakin ha vinto la sua prima podrace al Boonta Eve Classic, che aiuta a proteggere la sua libertà.

Arrivata su Coruscant, Padmé consulta il senatore Palpatine , che la incoraggia a fare ricorso al Senato per risolvere la disputa di Naboo con la Federazione dei Mercanti. La persuade a fare una mozione in Senato per far rimuovere dal cancelliere il supremo Cancelliere Finis Valorum, che elegge Palpatine al suo posto. Non è a conoscenza del fatto che Palpatine sia in realtà Darth Sidious, un Signore dei Sith che sta manipolando la Federazione dei Mercanti per prendere il controllo della Repubblica . Padmé torna a Naboo per combattere per la libertà del suo pianeta, arruolando l'aiuto dei guerrieri Gungan di Jar Jar Binks e facendo in modo che la guardia del corpo Sabé si ponga come lei.

Mentre Sabé tenta un accordo di pace tra Naboo e i Gungan parlando con Boss Rugor Nass, leader di Gungan, Padmé interviene e rivela la sua vera identità. Boss Nass è impressionato, ei Gungan accettano di aiutare e offrono un diversivo per attirare le armate di droidi lontano dal palazzo di Theed. Una volta nel palazzo, le forze di Padmé vengono affrontate da Darth Maul, che impegna Qui-Gon e Obi-Wan. Padmé e le sue truppe procedono ad assaltare la sala del trono e catturare il viceré, ponendo fine ai blocchi commerciali di Naboo una volta per tutte. Successivamente assiste al funerale di Qui-Gon. Fu ucciso da Darth Maul nella camera del pendolo dopo che Obi-Wan fu separato dal duello a causa di uno degli scudi laser che portava alla camera. Si tiene una celebrazione per annunciare l'unità tra Naboo e i Gungan, dove Padmé presenta un dono a Boss Nass per simboleggiare la loro nuova amicizia.

Attacco dei cloni

Nel secondo film, ambientato un decennio dopo La minaccia Fantasma, rappresenta Naboo nel Senato Galattico dopo aver lasciato il trono e guida una fazione contraria al Military Creation Act, che creerebbe un esercito per la Repubblica, minacciato da una crescente Movimento separatista. Jar Jar la unisce come Senior Representative. Mentre arriva su Coruscant per votare, gli assassini assoldati dalla Federazione del Commercio compiono un tentativo infruttuoso sulla sua vita, distruggendo la Naboo Royal Starship che il suo esagono era arrivato mentre Padmé era camuffato da uno dei piloti di scorta, uccidendo il suo esca, un'altra ancella e cinque membri della Royal Naboo Security Force. Anakin Skywalker, ora Padawan di Obi-Wan Kenobi, è incaricato di proteggerla. Dopo che un altro tentativo è stato ostacolato da Anakin, ma l'assassino assoldato per uccidere Padmé viene ucciso prima che possa dire ai Jedi che l'hanno assoldata, Palpatine manda Padmé a nascondersi su Naboo, dove lei e Anakin lottano per mantenere un rapporto platonico nonostante la loro evidente reciproca attrazione .

Quando Anakin ha una visione di sua madre in pericolo, Padmé lo accompagna a Tatooine in un tentativo fallito di salvarla da una banda di Tusken Raiders . Anakin ritorna con il corpo di sua madre e confessa in lacrime a Padmé di aver massacrato l'intera tribù, compresi i bambini, con rabbia per quello che hanno fatto a Shmi. Padmé è turbato da ciò che ha fatto, ma tuttavia lo conforta, perdonandolo per aver agito sulle sue emozioni.

Ricevono un messaggio da Obi-Wan, che è stato catturato dal leader separatista Conte Dooku sul pianeta Geonosis , e Nute Gunray è dietro il tentativo di omicidio su Padmé, in cerca di vendetta per la sua fallita invasione. Padmé e Anakin accorrono in suo aiuto, solo per essere catturati e condannati a morte in un colosseo geonosiano dall'Arciduca Geonosiano Poggle the Lesser, uno dei maggiori membri del Consiglio Separatista. Si dichiarano amore reciproco e vengono poi trasportati nell'arena, dove Padmé affronta il Nexu, ma non senza di esso riesce a farle scorrere e lasciare parecchi profondi squarci sulla parte bassa della schiena. Tuttavia, lei e i suoi amici Jedi sono stati salvati all'ultimo minuto dai Maestri Jedi Mace Windu e Yoda , che guidano un esercito di Jedi e soldati cloni . Questa battaglia segna la salva iniziale delle Guerre dei Cloni con la Battaglia di Geonosis. Mentre inseguiva Dooku in una nave da guerra della Repubblica, lei cadde con un clone solitario e fu messa a terra con Obi-Wan convincendo Anakin a non seguirla. Quando finalmente riprendono conoscenza, il soldato clone suggerisce a Padmé di tornare al centro di comando in avanti, ma lei lo convince che immediatamente cercano lo Jedi che insegue Dooku. Padmé arriva all'hangar di Dooku con diversi clone troopers, giusto in tempo per vedere Dooku decollare nel suo veliero solare, sparargli inutilmente mentre scappa, prima di incontrarsi con Anakin, Obi-Wan e Yoda, e scoprire le gravi ferite di Anakin da Dooku con un braccio mozzato sotto il gomito. Successivamente, Padmé e Anakin si sono sposati in una cerimonia segreta su Naboo testimoniata dai droidi R2-D2 e C-3PO .

La vendetta dei Sith

Padmé Amidala fa la sua terza apparizione nei film in Star Wars Episodio III: La vendetta dei Sith, ambientata tre anni dopo gli eventi di Attacco dei cloni. Dopo che Anakin torna da una battaglia, lei lo informa che è incinta e gli chiede cosa dovrebbero fare. Anakin le dice semplicemente di non preoccuparsi per il momento. Padmé osserva con crescente sospetto che Palpatine diventa un dittatore, usando le Guerre dei Cloni per accumulare vasti poteri d'emergenza e ottenere il controllo del Senato e della magistratura. Palpatine in seguito dichiara la legge marziale, trasformando la Repubblica nell'Impero Galattico e nominandosi Imperatore. Mentre il Senato applaude Palpatine, Padmé dice al compagno senatore Bail Organa : "Così muore la libertà ... Con un applauso scrosciante".

Dopo aver informato Anakin della sua gravidanza, Padmé e Anakin vanno entrambi nell'appartamento di Padmé. Più tardi quella notte, Padmé inizia a rilevare i cambiamenti in Anakin dopo che ha sognato di morire di parto, come ha fatto prima che Shmi morisse. Sebbene sia sprezzante delle sue visioni, la paura di Anakin per lei conduce alla sua conversione al Lato Oscuro della Forza; Palpatine corrompe Anakin promettendogli il potere di impedire la morte di Padmé e lo prende come suo apprendista Sith, Darth Vader . Dopo che Palpatine ha conquistato il potere assoluto, Obi-Wan la informa che Anakin è diventato un Signore dei Sith e ucciso tutti nel Tempio Jedi, compresi i bambini. Lei rifiuta di credergli, ma viaggia verso il pianeta vulcanico Mustafar con Obi-Wan a bordo della sua nave per sapere se Anakin si è effettivamente rivolta al Lato Oscuro, rifiutandosi di accettare qualsiasi accompagnatore per venire con lei, incluso il Capitano Gregor Typho, suo Capo della sicurezza. Lei lo affronta e lo implora di sfuggire alla presa di Palpatine e fuggire con lei.

Tuttavia, Vader rifiuta, dicendo invece che intende rovesciare Palpatine in modo che possano governare la galassia insieme. Padmé si ritrae inorridito, rendendosi conto che Obi-Wan ha detto la verità. Tuttavia, nonostante il suo cuore spezzato, cerca ancora di convincerlo a tornare. Proprio in quel momento, Obi-Wan emerge dalla nave. Vader l'accusa di tradirlo e usa il Lato Oscuro per soffocarla nell'incoscienza. Accusa poi Obi-Wan di trasformare Padmé contro di lui, e Obi-Wan insiste che Anakin lo abbia fatto lui stesso. Dopo che Obi-Wan sconfigge Vader nel successivo duello con la spada laser e lo lascia immolato da uno dei fiumi vulcanici di Mustafar, porta Padmé a Polis Massa, una base segreta di asteroidi. Nonostante gli sforzi dei droidi medici, Padmé muore dopo aver dato alla luce i gemelli Luke e Leia , avendo perso la volontà di vivere. Le sue ultime parole sono: "Obi-Wan? C'è del buono in lui. Lo so. So che c'è ... ancora ..."

Il cadavere di Padmé, modificato per apparire ancora in stato di gravidanza, viene restituito a Naboo e gli viene consegnata un'elaborata cerimonia funebre, alla quale partecipano la sua famiglia e tutti gli amici e alleati che ha fatto durante il suo periodo di regina e senatrice, tra cui il governatore Sio Bibble, Boss Nass e Jar Jar Binks, le sue ancelle, il capitano Typho e l'attuale sovrana Regina Apailana; è sepolta con la collana che Anakin ha fatto per lei quando si sono incontrati per la prima volta su Tatooine. I gemelli sono separati e nascosti dall'Impero; Luke viene portato a Tatooine per essere cresciuto dal fratellastro di Anakin Owen e sua moglie Beru , mentre Leia viene adottata da Bail Organa di Alderaan e cresciuta come principessa.

Nel frattempo, dopo che Vader è stato ricostruito e inserito nella sua iconica armatura di supporto vitale, chiede a sua moglie, solo per l'Imperatore di dirgli che l'ha uccisa nella sua rabbia, lasciando Vader devastato a perdere l'ultima parte della sua umanità, completamente convertendolo al Lato Oscuro e il suo fedele servizio all'Imperatore.

Il ritorno dello Jedi

Padmé Viene menzionata quando Luke chiede a Leia se si ricorda della loro madre, a cui Leia risponde "Era molto bella, gentile ma triste", mentre Luke disse che non l'aveva mai conosciuta.

Anakin vendica più tardi sua moglie quando si rifiuta di lasciare che l'Imperatore uccida Luke e uccide l'Imperatore, adempiendo la profezia del Prescelto e portando alla distruzione dell'Impero Galattico.

Apparizioni televisive

Star Wars: Forces of Destiny

Padmé appare nella miniserie animata di Star Wars: Forces of Destiny, con Catherine Taber che riprende il suo ruolo in The Clone Wars.

Videogiochi

Disney INFINITY

Padmé appare come un datore di missione nel set di Twilight of the Republic Play per il terzo gioco . Secondo Mathew Solie su Toy Box TV Live, ha un "dialogo imbarazzante" con Anakin. Può quindi essere sbloccata per metterla nella scatola dei giocattoli.

Star Wars: Force Arena

Padmé Amidala è un personaggio giocabile in Star Wars: Force Arena come carta leader della squadra leggendaria.

Parchi Disney

Nonostante la sua morte nel film, Padmé appare come personaggio da incontrare negli Hollywood Studios di Hollywood durante i fine settimana di Star Wars. Sorprendentemente, può anche essere incontrata a fianco dei suoi figli e del suo marito come se la sua morte e la sua conversione al Lato Oscuro non fossero mai accadute.

Le relazioni

Storia d'amore

Palo

Mentre Padme è stata coinvolta nel programma legislativo per i giovani, ha incontrato un giovane di nome Palo. Seguì una breve relazione innocente, ma la coppia si separò quando Palo divenne un artista, e Amidala continuò in politica. Questo è stato menzionato in "Attacco dei cloni".

Anakin Skywalker/Darth Vader

Padmé incontrò Anakin per la prima volta su Tatooine, dopo che le chiese se fosse un angelo, lo trovò molto divertente, (avevano cinque anni di differenza in età). Tuttavia, più tardi, quando fu rivelata la Regina di Naboo, Anakin ne fu imbarazzata, ma allo stesso tempo delusa di aver mentito con lui su chi fosse realmente, nonostante ciò alla fine la perdonò. Dopo essere diventato membro dell'Ordine Jedi, Padmé e Anakin non si sono visti per dieci anni.

Anni dopo, Anakin, ora adulto, quando Padmé lo vide per la prima volta dopo anni, lo riconobbe immediatamente, nonostante non vedessero l'altro da molti anni, e rimase stupita di quanto fosse diventato bello, più tardi Anakin è stata incaricata di proteggerla da uno sconosciuto cacciatore di taglie (Jango Fett) su Naboo.

Durante quel tempo trascorsero insieme su Naboo, Padmé si era innamorato di Anakin, quando quest'ultimo confessò i suoi sentimenti romantici per lei, Padmé apparentemente abbassò Anakin, arrivando addirittura a precisare, perché era un Jedi, sarebbe stato impossibile per loro stare insieme, tuttavia, in verità, lo disse solo perché non voleva che rinunciasse alla sua posizione di Jedi per lei. Quando furono catturati su Geonosis, credendo che stavano per morire, Padmé confessò i suoi sentimenti romantici per Anakin; dopo questo non potevano negare i loro sentimenti romantici l'uno per l'altro, così si sono sposati segretamente su Naboo. Hanno avuto un ottimo rapporto romantico. Tuttavia, il rapporto tra Padmé e Anakin è stato a volte teso per lui, essendo lontano da lunghi periodi in quanto era un generale tra le file della Grande Armata della Repubblica, combattendo nelle Guerre dei Cloni. Nonostante ciò, Padmé fu addolorato da queste lunghe separazioni; ha sopportato queste difficoltà con il silenzio, la pazienza e la forza, conoscendo e comprendendo pienamente le loro rispettive responsabilità e la loro grandezza. Aveva molta fiducia in Anakin e nelle sue celebri capacità, eppure era ancora preoccupata per la sua sicurezza.

Prima degli eventi di La vendetta dei Sith, Padmé è rimasta incinta del figlio di Anakin e ha scoperto questo (inconsapevole nel momento in cui stava trasportando due gemelli), diventa felice di essere una madre.

In La vendetta dei Sith, dopo che Anakin è tornato da una battaglia in una missione per salvare Palpatine dal Generale Grievous , Padmé lo informa che è incinta, diventa felice che entrambi diventeranno genitori, quando Anakin la informa che lui ebbe una visione di lei e del bambino che apparentemente stava morendo di parto, lo spazzò via, dicendogli di non preoccuparsi e la sua visione di suo non si avverasse, la relazione di Padmé con Anakin era diventata forte fino al punto in cui lei gli credeva oltre il Jedi Alto Consiglio quando le raccontò delle loro manipolazioni per usarlo come spia per i propri scopi.

Quando Obi-Wan Kenobi le raccontò delle azioni oscure di Anakin, lei non gli credette, principalmente perché negava e in parte perché Anakin le disse, per rassicurarsi che quello che aveva detto non era vero, andò a Mustafar a chiedere ad Anakin se stessa. Quando Anakin ha confermato i suoi peggiori incubi, è rimasta inorridita e affranta, ma si è sempre rifiutata di credere che non potesse tornare alla luce, lo ha spinto a farlo e ha cercato di ragionare con suo marito per fermare la sua crociata. Sconosciuto con Padmé, Obi-Wan si era nascosto sul suo Naboo star skiff; quando emerse dalla sua astronave, Anakin lo vide e, credendo che Padmé si fosse schierata dalla parte di Obi-Wan e avesse portato Obi-Wan a ucciderlo, la prese con rabbia con la Forza, soffocandola nell'incoscienza. Prima della sua morte, Padmé continuava a credere che rimanesse ancora del buono in Anakin, e che un giorno avrebbe potuto essere salvato con l'aiuto dei loro figli.

Durante il periodo in cui fu il difensore di Palpatine, Vader continuò a soffrire di dolore per la morte di Padmé e il senso di colpa per la sua presunta mano in esso, nonostante la convinzione che lei lo avesse tradito. Sebbene non sia vissuta per vederlo; La fiducia di Padmé nel marito si è dimostrata giusta quando Anakin si è sacrificato per salvare il figlio Luke.

Amici e alleati

Obi-Wan Kenobi

Padmé incontrò per la prima volta Obi-Wan, poco dopo l'inizio dell'invasione di Naboo, quando lui e il suo mentore Qui-Gon Jinn la salvarono dai droidi di battaglia della Federazione del Commercio, non avevano molte interazioni tra loro. Tuttavia, durante le Guerre dei Cloni i due diventano amici intimi.

In La vendetta dei Sith, l'amicizia divenne tesa, dopo che Anakin le disse delle manipolazioni di Obi-Wan di usarlo come spia per i suoi scopi, lei non gli credette quando le raccontò delle azioni oscure del marito, principalmente perché era in Negazione e in parte a causa di ciò che Anakin le disse, per rassicurare se stessa che ciò che aveva detto non era vero, andò a Mustafar a chiedere ad Anakin se stessa; sconosciuto a Padmé, Obi-Wan si era nascosta sulla sua barca a vela Naboo, così poteva trovare Vader e ucciderlo.

Prima della sua morte, Padmé ha detto a Obi-Wan che c'era ancora delbuono in Anakin e un giorno può essere riscattato, ma Obi-Wan non le ha creduto. La convinzione di Padme in suo marito si rivelò giusta quando si sacrificò per salvare il loro figlio Luke.

Mina Bonteri

Il senatore di Onderon, Mina era il mentore di Padmé durante i suoi primi giorni al Senato Galattico. La crisi separatista si frappose tra loro; Padmé si unì al Comitato Lealista e Mina si unì al Parlamento Separatista. Quando Padmé decise che le Guerre dei Cloni erano andate avanti abbastanza a lungo, si avvicinò a Mina e la convinse a proporre un voto per le olive sul Parlamento Separatista. Mina acconsentì e il voto fu approvato. Sfortunatamente, i Sith sabotarono il piano e fecero uccidere Mina.

Ahsoka Tano

Padmé e Ahsoka si rispettarono e si ammirarono a vicenda. Fu Padmé a insegnare ad Ahsoka che la politica, così come altre cose, non sono così in bianco e nero come una volta pensava.

Quando Ahsoka fu accusata di tradimento, Padmé fu uno dei pochi estremi a credere correttamente che Ahsoka fosse stato effettivamente incastrata e dopo essere stata espulsa dall'Ordine Jedi, Padmé, come Anakin, prese un ruolo attivo nel tentativo di cancellare il nome di Ahsoka. Ahsoka si fidava di Padmé in questo periodo per confidare quanto si sentisse tradita. Durante il processo di Ahsoka, Padmé ha fatto una buona difesa, sottolineando che se Ahsoka fosse davvero il colpevole, non avrebbe reso le cosiddette prove contro di lei così ovvie. Nonostante l'impressionante difesa di Padmé, il Senato credeva che Ahsoka fosse colpevole e il giovane Togruta sarebbe stato giustiziato se Anakin non avesse denunciato il vero colpevole.

Grazie alla loro stretta amicizia, Ahsoka è stato in grado di cogliere e percepire la relazione di Padmé con il suo maestro, come quando Anakin esprime la sua comprensione reciproca delle ragioni per cui vuole lasciare l'ordine Jedi, Ahsoka risponde "Lo so".

Bail Organa

Bail e Padmé si rispettavano l'un l'altro per essere idealisti. Durante la Crisi Separatista, entrambi si unirono al Comitato Lealista ma dissentirono dal passaggio della Legge sulla Creazione Militare. Dopo la Guerra dei Cloni scoppiata e Mina Bonteri è stata uccisa dai teppisti del conte Dooku, entrambi si sono dedicati a garantire che il suo sforzo coraggioso non fosse invano. Fu Bail a rivelare che il senatore Bonteri era stato assassinato dai teppisti di Dooku e non dagli Jedi e dai Cloni come sosteneva Dooku. Quando Palpatine ha usato i suoi poteri di emergenza per ammassare poteri sempre più dittatoriali, Bail ha reclutato Padmé per unirsi alla delegazione dei duemila per redigere una petizione per chiedere una soluzione diplomatica alla guerra e la fine dei suoi emendamenti alla Costituzione galattica. Padmé ha ricordato alla delegazione che la maggior parte del senato era dalla parte del cancelliere e ha suggerito di portare i Jedi. Tuttavia, Bail riteneva che fosse troppo estremo e credeva che la Petizione avrebbe almeno convinto Palpatine a moderare le sue tattiche mostrandogli che l'opposizione ai suoi metodi stava crescendo. La convinzione si è rivelata ingenua; Palpatine invece si dichiarò Imperatore e brandì la maggior parte della Delegazione, tranne i traditori di Padmé e Bail che facevano parte della "Ribellione Jedi" e arrestati come nemici dello stato. Bail voleva raggiungere il suo podio e votare contro questo, ma Padmé gli disse di votare per l'Impero dicendogli che a causa delle Guerre dei Cloni e del fatto che il nuovo Imperatore aveva il Senato e la gente dalla sua parte aperta l'opposizione a lui era condannata al fallimento e sarebbe semplicemente usato dall'Imperatore per guadagnare più potere. Successivamente, Bail ha preso la figlia di Padmé, Leia, e l'ha cresciuta come sua.

Mon Mothma

Padmé e Mon si rispettavano a vicenda perché erano idealisti. Durante le Guerre dei Cloni, entrambi hanno servito nel Comitato Lealista. Quando Palpatine usò i suoi poteri di emergenza per ammassare poteri dittatoriali, Mon insieme a Bail reclutò Padmé per unirsi alla Delegazione dei duemila. Quando Padmé suggerì di portare i Jedi, Mon come Bail sentì che era troppo estremo e lo rifiutò.

Nemici

Sheev Palpatine/Darth Sidious

Come suo marito, Padmé vide Palpatine come un mentore e lo rispettò per non aver ceduto alla corruzione nel Senato Galattico. Per questo motivo, quando arrivò a Corosaunt per cercare una soluzione per l'invasione di Naboo, si rivolse a Palpatine per un consiglio. Le disse che il Senato Galattico era preoccupato per il bene comune e che il Cancelliere Supremo Finis Valorum era sotto il controllo della burocrazia, che era nel libro paga della Federazione dei Mercanti. Poi la esortò a prendere la questione alla Corte Suprema o chiedere un voto di non fiducia nella leadership di Finis Valorum. Durante l'incontro del Senato, Padmé ha visto con i suoi occhi che Palpatine aveva ragione e ha chiesto un voto di non fiducia in Valorum. Ciò ha portato all'elezione di Palpatine all'Ufficio del Cancelliere di Surpreme. Quando scoppiò la crisi separatista, Padmé si unì al comitato lealista. Mentre il Cancelliere Supremo usava i suoi poteri d'emergenza per ammassare poteri sempre più dittatoriali, Padmé cominciò a rendersi conto che il Cancelliere non era quello che sembrava e si unì alla Delegazione dei duemila per redigere una petizione che chiedeva la fine delle Guerre dei Cloni e la fine della sua emendamenti alla Costituzione Galattica. Durante una riunione di delegazione, Padmé ricordò ai suoi collegi che Palpatine aveva una super maggioranza al Senato dalla sua parte e suggerì di rivolgersi agli Jedi, ma gli altri pensavano che fosse troppo estremo e, ingenuamente, credeva che la petizione dei duemila sarebbe stata abbastanza.

Quando Palpatine si dichiarò imperatore, Padmé si rese conto che aveva programmato di farlo per tutto questo e sollecitò Bail ad attendere il suo tempo e aspettare fino a quando non fosse il momento giusto per una rivolta aperta. In seguito apprese da Obi-Wan Kenobi che il nuovo imperatore era Darth Sidious, l'Oscuro Signore dei Sith e morì facendo la stessa realizzazione che suo marito avrebbe fatto ventitré anni dopo; Palpatine era un mostro senza cuore che la stava usando da anni per ottenere il potere per se stesso.

Nute Gunray

Padmé e Nute Gunray sono nemici fin dall'invasione di Naboo. Grazie all'ingegno, Padmé ha superato il viceré della Federazione dei Mercanti e liberato il suo pianeta. Tuttavia, grazie al suo benefattore Sith Darth Sidious, il Nemodiano è stato in grado di mantenere la sua posizione di Viceré della Federazione dei Mercanti anche se ha perso la franchigia del cartello. Quando scoppiò la crisi separatista, Padme si unì al comitato lealista e Nute Gunray si unì al Consiglio Separatista per ottenere un guadagno personale. Quando Gunray fu scoperto per essere dietro i tentativi di assassinio su Amidala, non fu sorpresa.

Galleria

Per approfondire, vedi la voce Padmé Amidala/Gallery.
*Nota: Alcuni dei link qui sopra sono link affiliati, ciò significa che, senza costi aggiuntivi, Fandom riceverà una commissione nel caso tu decidessi di cliccare e fare un acquisto. I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.

Alcuni dei link qui sono link affiliati, ciò significa che, senza costi aggiuntivi, Fandom riceverà una commissione nel caso tu decidessi di cliccare e fare un acquisto.

Stream the best stories.

Alcuni dei link qui sono link affiliati, ciò significa che, senza costi aggiuntivi, Fandom riceverà una commissione nel caso tu decidessi di cliccare e fare un acquisto.

Get Disney+