I Quaranta ladroni sono un gruppo di scagnozzi di Cassim nel film d'animazione Disney del 1996 Aladdin e il re dei ladri, erano un gruppo di banditi.

Ruolo nel film

I Quaranta ladroni sono un gruppo di banditi guidati dal loro capo Cassim e dal suo secondo in comando, Sa'Luk, che hanno rubato un sacco di tesori meravigliosi regalati ad Aladdin e Jasmine durante il matrimonio. Nonostante il loro comportamento spietato usando le armi per rubare, non si vedono infliggere danni fisici a persone innocenti, poiché Cassim stesso ha già scritto una nuova regola nel loro codice mentre diventa il loro leader: mai fare del male agli innocenti, in cui i Quaranta Ladroni avrebbero dovuto mantenere per restare con il loro gruppo. All'inizio c'erano quaranta ladri, da cui il nome Quaranta ladroni, tuttavia a causa del tradimento di Sa'Luk, che informò della posizione a Razoul dopo essere stato sostituito da Aladdin durante uno scontro tra loro, i 32 ladri furono arrestati e in qualche modo sette di loro riuscirono a sfuggirli. I 32 Ladri giurano che Sa'Luk pagherà per il suo tradimento, anche quando Sa'Luk chiude la porta su di loro. Al suo ritorno al nascondiglio, Sa'Luk allora convinse i rimanenti sette ladri che era stato Cassim a essere responsabile del tradimento e li convinse ad ammutinarsi contro di lui. Alla fine, in un atto di giustizia durante il climax, Sa'Luk finì per essere trasformato in una statua d'oro dalla Mano di Mida come punizione, così come i sette ladri che avevano trasformato la loro barca in oro massiccio, affondando la barca. Non è noto se i sette ladri siano sopravvissuti, o se siano stati arrestati o se siano annegati o meno.

*Nota: Alcuni dei link qui sopra sono link affiliati, ciò significa che, senza costi aggiuntivi, Fandom riceverà una commissione nel caso tu decidessi di cliccare e fare un acquisto. I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.