Quasimodo è il principale protagonista del 34° lungometraggio animato della Disney, Il gobbo di Notre Dame e il sequel del 2002, Il gobbo di Notre Dame II.

Come nel romanzo, viene adottato da Frollo, deformato e vive in solitudine nel campanile. Si innamora di Esmeralda. Nella versione Disney, fa amicizia con tre gargoyle chiamati Victor, Hugo e Laverne che prendono vita, così come Febo che si fidanza con Esmeralda.

È stato doppiato da Tom Hulce nel doppiaggio originale e da Massimo Ranieri in quello italiano.

Personalità

A dispetto del suo orribile aspetto esteriore, Quasimodo non è affatto un mostro. In realtà, è un'anima gentile che vuole solo adattarsi a tutti gli altri. Nel racconto di apertura di Clopin è l'uomo (brutto fuori ma ancora egoista e bello dentro) in contrasto con il suo padre-figura, il giudice Claude Frollo (dall'aspetto normale all'esterno ma vile e ripugnante all'interno) come il mostro.

Tuttavia, nonostante fosse una creatura gentile, l'uomo che allevava Quasimodo, Frollo, era estremamente prevenuto e lo nascose nel campanile di Notre Dame in modo che nessuno potesse vedere il suo aspetto ripugnante come nessuno lo avrebbe accettato (che in realtà era un po ' vero). Alla fine Quasimodo iniziò a vedere il suo posto nella società come il mostro che Frollo si è dimostrato. Tuttavia non condivideva le visioni ciniche e misantropiche del suo maestro e voleva solo farne parte.

Fu anche cresciuto nelle convinzioni di Frollo (negli ideali del giudice oscuro gli zingari erano malvagi e rivelarono intenzioni genocide ai loro interessi). Tuttavia, Quasimodo non mostrava odio nei confronti degli zingari e in realtà si innamorò di una di loro, la zingara Esmeralda.

Quasimodo è piuttosto artistico, nel corso degli anni rinchiuso a Notre Dame è stato in grado di costruire la sua miniatura Parigi e gli abitanti della città (come il tessitore e il fornaio, ecc.)

Tuttavia, Quasimodo ha anche un lato aggressivo. Dopo aver aiutato Esmeralda a fuggire dalla cattedrale e aver incontrato poco dopo il Capitano Febo in cima a Notre Dame, urla con aria di sfida al soldato: "Niente soldati! Ha il diritto di asilo!" per tutto il tempo oscillava selvaggiamente una torcia in faccia. Questa ostilità mostra anche mentre combatteva violentemente contro i soldati di Frollo che stavano attaccando il suo santuario. In entrambi i casi dimostra solo l'eterna devozione di Quasimodo nei confronti di Esmeralda.

Forse il tratto più forte di Quasimodo è la sua infinita lealtà verso le persone che mostrano la sua gentilezza che si rivelò essere la rovina di Frollo poiché non poteva provare amore per un'altra persona al di fuori di se stesso e non mostrò mai a Quasimodo qualcosa di simile all'amore o alla gentilezza. una persona che ha fatto Dopo essere stata umiliata alla Festa dei Folli e poi salvata da una folla inferocita di Esmeralda, la ripagò assistendo la zingara in fuga dalla cattedrale, e in seguito la respinse contro l'intero esercito di soldati di Frollo. Quasimodo era un po 'ingenuo, visto che non vedeva Frollo come un uomo crudele nonostante il suo ovvio maltrattamento sul povero ragazzo, ma mostrava solo lealtà perché la salvò dall'essere uccisa (quando in realtà Frollo era pronto ad affogarlo come piccola se l'arcidiacono non l'avesse fermato e l'avesse adottato solo per paura egoistica della propria moralità).

Alla fine, nonostante non avesse ottenuto l'amore della sua vita, arriva ad accettare l'amore tra Febo ed Esmeralda e fu in grado di realizzare il suo sogno di essere avvicinato dai cittadini di Parigi.

Storia

Il gobbo di Notre Dame

Nel film apprendiamo che i genitori di Quasimodo sono zingari e, invece di essere ritratto come un arcidiacono come nel libro, Claude Frollo è il ministro della giustizia con un pugno di ferro che odia gli zingari e cerca di portare ordine nella città. Clopin, il buffone cittadino e zingaro intrattiene un gruppo di bambini, l'origine di Quasimodo. C'era una volta, un gruppo di zingari stava viaggiando alla Corte dei Miracoli quando furono catturati da Frollo e dalla sua polizia segreta. Gli zingari, salvo una donna, furono arrestati. È scappata ma è stata inseguita da Frollo fino a Notre Dame. Frollo, ignaro del fatto che stesse trasportando un bambino e non rubato beni, afferra il bambino con la forza e respinge la madre, colpendo la testa sui gradini, e uccidendola. Frollo vede il bambino deforme e lo chiama un demone dall'inferno, decidendo di affogarlo in un pozzo. L' arcidiacono lo ferma e lo confronta con quello che è appena successo. Frollo nega tutto ma crede all'arcidiacono quando dice che non può nascondersi agli occhi del Signore. Impaurito di essere dannato da Dio, Frollo obbedisce alla richiesta dell'arcidiacono di prendersi cura del bambino, ma lo fa vivere nel campanile ed essere nascosto al mondo. Poi lo chiama Quasimodo (che significa "mezzo formato" nel film, dopo Quasimodo Sunday nel romanzo).

Venti anni passano e Quasimodo vive una vita felice nella cattedrale, ma desidera essere in pubblico. L'annuale Festival of Fools si verifica e cerca disperatamente di vederlo da vicino. I suoi amici gargoyle, Hugo, Victor e Laverne lo spingono per andare, ma arriva Frollo e gli proibisce di non andare, dicendo che la gente lo vedrà come un mostro. Quasimodo decide di disobbedire a Frollo e di farlo solo una volta. Finisce nella danza scherzosa e si schianta contro la tenda di Esmeralda. Esmeralda lo vede e pensa di indossare una maschera. È esposto a tutta la città ed è incoronato Re of Fools. Uno dei teppisti di Frollo gli lancia dei pomodori e presto altre persone iniziano a maltrattarlo finché non viene salvato da Esmeralda. Persino Febo, il Capitano della Guardia, non poté fare a meno di simpatizzare con il gobbo, ma il giudice lo mette in ginocchio. Frollo le ordina di lasciarlo da solo perché ha bisogno di essere istruito a lezione, ma lei rifiuta e lo aiuta. Frollo la accusa di essere una strega, ma lui si innamora di lei e di Febo, il capitano delle guardie. Quasimodo indugia nella cattedrale in disgrazia dopo essere stato silenziosamente rimproverato da Frollo per la sua disobbedienza ed Esmeralda cerca di parlargli. Frollo tenta di arrestarla, ma lei chiede rifugio e l'arcidiacono la protegge e respinge Frollo.

Esmeralda inizia a pregare in una canzone e lo attira a Quasimodo, ma quando viene individuato da un parrocchiano che lo ha scambiato, causando problemi a bussare a una candelabro nel processo, corre di nuovo verso la torre con il suo seguito terrorizzato dal maltrattamento dei parrocchiani a lui . Lei vede tutte le campane e ne rimane affascinata. È la prima a vedere Quasimodo come un uomo e non un mostro e si innamora di lei . La trascina fuori dalla cattedrale e non riesce a smettere di pensare a lei. Frollo scopre la sua fuga e organizza una massiccia caccia all'uomo per trovarla. Brucia un mulino a vento di una famiglia innocente all'interno della famiglia e Febo li salva. Frollo marca Phoebus come un traditore ei suoi uomini si girano su di lui, sparano e cade in un fiume per affogare. Esmeralda lo salva e lo porta a Quasimodo per tenerlo al sicuro. Frollo capisce che qualcosa deve essere successo perché ha posto guardie a ogni singola entrata. Prima di questo, i gargoyle confortano Quasimodo e gli dicono che lei è perfetta per lui e se ne va. Quando arriva con un Phoebus ferito, Quasimodo nota una connessione tra loro e ha il cuore spezzato, odiando ancora di più la sua bizzarra apparenza. Vede Frollo che viene e nasconde Febo. Tuttavia, Frollo scopre che Quasimodo ha segretamente aiutato la zingara, diventando furioso e distruggendo molte delle sue cose. Frollo lascia in subbuglio e decide di usare Quasimodo come esca per attirare Esmeralda, mentendo che ha trovato la Corte dei Miracoli e attaccherà con un battaglione.

Febo si sveglia e ha Quasimodo che lo accompagna alla Corte dei Miracoli. Lo trovano con l'amuleto di Esmeralda e sono attaccati da Clopin e da diversi zingari. Sono accusati di essere spie di Frollo e vengono condannati all'impiccagione, ma Esmeralda li salva. Frollo arriva con centinaia di guardie e cattura tutti gli zingari, dopo aver rintracciato gli eroi. Condanna Esmeralda ad essere bruciata sul rogo e mette in scena la cerimonia davanti a Notre Dame perché tutti possano vederla. Febo e tutti gli zingari sono tutti imprigionati e sono costretti a vederla bruciare e Quasimodo è incatenato nella torre e lo vede dall'alto. I gargoyle cercano di liberare Quasimodo, ma rinuncia solo a ogni speranza. Poi vede Frollo accendere il legno ed Esmeralda tossisce che lo sveglia e si libera liberando e rompendo le catene con tutte le sue forze. Poi afferra una corda e tira una mossa Tarzan e libera Esmeralda e le dà il suo rifugio. Frollo ordina quindi ai suoi uomini di impadronirsi della cattedrale con la forza. Phoebus si libera e ispira la città a sollevarsi e opporsi alla tirannia di Frollo. I cittadini di Parigi si ribellano, liberano gli zingari e una battaglia tra loro e gli uomini di Frollo. Quasimodo e i gargoyle impediscono ai soldati di entrare e lanciano pietre e legno contro di loro. Quasimodo poi suscita un calderone di rame fuso che gira intorno alla cattedrale e tutti fuggono, ma Frollo riesce a intrufolarsi dentro.

«No! Ascoltate voi! Per tutta la vita mi avete detto che il mondo è un posto crudele e tenebroso, ma ora vedo che l'unica cosa crudele e tenebrosa sono le persone come voi!»
―Quasimodo finalmente resiste a Frollo


Quasimodo controlla Esmeralda ma lei non si sveglia, facendogli credere che sia morta. Frollo finge di confortarlo, ma cerca di uccidere il gobbo con un pugnale. Quasimodo lo disarma facilmente e si rende conto che Frollo è l'unico che lo tiene lontano dal mondo e non lo ascolta più. Esmeralda si sveglia e Quasimodo la afferra e fugge. Frollo estrae la sua spada e li insegue sul balcone. Ammette a Quasimodo di aver ucciso sua madre 20 anni fa e cerca di finire quello che ha iniziato. Quasimodo cerca di buttarlo giù dalla torre ma si aggrappa a un gargoyle. Quasimodo svanisce improvvisamente dal fumo del piombo in fiamme sottostante, oltre che da spezzare le catene in precedenza, ed Esmeralda cerca di trattenerlo. Frollo si tira su in salvo e tenta di colpire, citando maniacalmente la Bibbia, ma il gargoyle che sta in pausa. Arriva alla vita, spaventa Frollo ed entrambi cadono nella pozza di rame fuso sottostante. Esmeralda perde la presa e anche Quasimodo cade, ma Febo lo prende in tempo e lo porta in salvo. Quasimodo si sveglia a questo punto, poi lo abbraccia in amicizia e dà a lui ed Esmeralda la sua benedizione. Esmeralda e Febo escono dalla cattedrale e sono accolti da tutti i cittadini. Esmeralda porta fuori Quasimodo ma è inizialmente riluttante. Una bambina si avvicina e gli tocca la faccia. I cittadini sono tutti benvenuti a Quasimodo e come uomo ed eroe. I gargoyle fanno il tifo per lui ed Esmeralda e Febo lo osservano mentre è trasportato in allegria dai cittadini.

Il gobbo di Notre Dame II

Nonostante sia libero di interagire con i cittadini di parigi, Quasimodo vive ancora nel campanile. Ora è amico di Zephir, figlio di Esmeralda e di Febo.

nel film Quasimodo si innamora di Madellaine artista del circo guidato dal perfido Sarouchè che è arrivato in città per rubare la Fidelè la preziosa campana custodita al l' interno di Notredame e ha ottenuto il suo primo bacio alla fine quando dopo che ha salvato Madellaine è sventato il piano di Sarouchè lei lo bacia dopo aver ammesso di amarlo.

Curiosità

  • Durante il numero di Guy Like You, i gargoyle vestono Quasimodo con una parrucca in polvere bianca, un possibile riferimento all'apprezzato ruolo di VA nel ruolo di Tom Hulce in Amadeus.

Galleria

Per approfondire, vedi la voce Quasimodo/Gallery.
*Nota: Alcuni dei link qui sopra sono link affiliati, ciò significa che, senza costi aggiuntivi, Fandom riceverà una commissione nel caso tu decidessi di cliccare e fare un acquisto. I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.