Weatherby Swann.jpg

Il Governatore Weatherby Swann è il padre di Elizabeth Swann, presente nei primi tre film della saga Pirati dei Caraibi.

Weatherby Swann viene nominato governatore di Port Royal dal re d'Inghilterra circa otto anni prima del primo film. Fin da subito appare chiara la sua natura di uomo retto anche se un po' retrogrado e profondamente premuroso e amorevole nei confronti della figlia: per lei, desidera una vita agiata, tipica delle nobildonne di corte e, durante gli avvenimenti del primo film, appare molto entusiasta sulla possibilità di un matrimonio tra Elizabeth e il commodoro James Norrington; ciò cozza con gli ideali della figlia, la quale, pur dimostrandosi profondamente devota e affezionata al padre, sogna invece l'avventura ed è singolarmente molto affascinata dalla vita dei pirati, oltre ad essere innamorata del fabbro Will Turner.

Nel secondo film, la sua posizione di governatore viene notevolmente ridimensionata dall'arrivo a Port Royal di Lord Cutler Beckett, il quale fa arrestare sua figlia Elizabeth e Will Turner il giorno delle loro nozze. Quando Will parte per cercare Jack Sparrow (come richiestogli da Beckett), il governatore tenta di far fuggire la figlia in Inghilterra, venendo però scoperto dagli uomini del lord; Elizabeth riesce comunque a fuggire e lui viene imprigionato, salvo poi venire liberato da Beckett in cambio della sua disponibilità a collaborare con lui e appoggiandolo come governatore.

Nel terzo film, il governatore appare marginalmente: letteralmente schiavizzato da lord Beckett, riesce a carpire alcuni segreti riguardo al cuore di Davy Jones, motivo per il quale viene ucciso per ordine dell'infido tiranno. Nel suo viaggio verso l'oltretomba, riesce a salutare un'ultima volta Elizabeth.

*Nota: Alcuni dei link qui sopra sono link affiliati, ciò significa che, senza costi aggiuntivi, Fandom riceverà una commissione nel caso tu decidessi di cliccare e fare un acquisto. I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.